Contrasto

Dimensione testo

Ricerca avanzata

PROFESSIONE » Novità legislative

Attività odontoiatrica svolta da soggetti non legalmente abilitati

03 Lug 2015

Cassazione Civile  – Attività odontoiatrica svolta da soggetti non legalmente abilitati – Ai fini dell’esenzione IVA di cui all’art. 10, comma 1, n. 18, del D.P.R. n. 633/72 spetta all'amministrazione finanziaria dimostrare se ed in quale misura le prestazioni odontoiatriche sono state rese abusivamente ovvero di fatto rese da un odontotecnico. L'individuazione dell'impiego abusivo di una forma giuridica incombe quindi sull'amministrazione finanziaria, la quale non potrà limitarsi ad una mera e generica affermazione, ma dovrà individuare e precisare gli aspetti e le particolarità che fanno ritenere l'operazione priva di reale contenuto economico diverso dal risparmio di imposta. (Ordinanza n. 13138/15)

FATTO: La CTR di Torino ha respinto l'appello dell'Agenzia delle Entrate , appello proposto contro la sentenza n. 6-16-2011 della CTP di Torino che - in causa avente ad oggetto "disconoscimento dell'esenzione IVA del ex art. 10, comma 1, n. 18" del d.P.R. n. 633 del 1972, siccome l'attività "dentistica" svolta dalla parte contribuente era stata in concreto esercitata da soggetti non legalmente abilitati, oltre al recupero dell'IRAP sul maggior imponibile non dichiarato, imposte riferite all'anno 2007 - aveva accolto il ricorso proposto dalla "Centro dentistico M.B. di Mondino Franca Rosa e C. snc" avverso il relativo avviso di accertamento.

DIRITTO: La Corte di Cassazione ha avuto modo di insegnare che:"In tema di IVA, le pratiche abusive consistenti nell'impiego di una forma giuridica o di un regolamento contrattuale al fine di realizzare quale scopo principale (seppur non esclusivo) un risparmio di imposta, anche se allo stesso si accompagnino secondarie finalità di contenuto economico, consistono in abusi di diritti fondamentali garantiti dall'ordinamento comunitario e pertanto assumono rilievo normativo primario in tale ordinamento, indipendentemente dalla presenza di una clausola generale antielusiva nell'ordinamento fiscale italiano. L'individuazione dell'impiego abusivo di una forma giuridica incombe sull'amministrazione finanziaria, la quale non potrà limitarsi ad una mera e generica affermazione, ma dovrà individuare e precisare gli aspetti e le particolarità che fanno ritenere l'operazione priva di reale contenuto economico diverso dal risparmio di imposta

Marcello Fontana-Ufficio Legislativo FNOMCeO
 

Documenti allegati:

omceo ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri della provincia di bari

Via Capruzzi n. 184, Bari
Tel. 080 5566855 - 080 5575512
Fax: 080 5427063







Professione

Codice deontologico
Leggi istitutive
Pubblicità sanitaria
Tariffario minimo
Novità legislative
Fisco e previdenza
Farmaci e farmacovigilanza
Concorsi ed avvisi
Opportunità di lavoro

Cittadini

Carta dei diritti del malato
Associazione malati e volontariato

Odontoriatri

Commissione odontoriatri
Notizie odontoiatri
Eventi odontoiatri
Riconosci il tuo dentista

Chi siamo

Organigramma
Personale Amministrativo
Trasparenza
Variazione Iscritti
Attività del Consiglio

Attività & Servizi

Commissioni ordinistiche
Accordi e convenzioni
Punto Informativo ENPAM
Modulistica
Cerca un Medico
Orari di apertura al pubblico

web made in italy jcom italia web comunicazione marketing bari sito internet ecommerce registrazione dominio

© 2013, OMCEO Bari | P.IVA 93021170720 | Note legali | Privacy | Credits