Contrasto

Dimensione testo

Ricerca avanzata

COMUNICAZIONE » Comunicati stampa

Nel 2016 corso di laurea in medicina da 6 a 5 anni

19 Sett 2015

Nel 2016 corso di laurea in medicina da 6 a 5 anni

Una laurea in medicina di 5 anni, al posto dei 6 attuali. È quanto ha annunciato Rossana Ugenti, Direttore generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio Sanitario Nazionale presso il Ministero della Salute, durante le “Giornate di approfondimento sulla formazione del medico”promosse dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Bari e conclusesi oggi presso la sede dell’OMCeO. Il Ministero recepirà così nel 2016 la Direttiva europea 2013/55 che consente agli stati membri di ridurre gli anni del corso di laurea in medicina da 6 a 5.

 

Bari, 19 Settembre – Una laurea in medicina di 5 anni, al posto dei 6 attuali. È quanto ha annunciato Rossana Ugenti, Direttore generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio Sanitario Nazionale presso il Ministero della Salute, durante le “Giornate di approfondimento sulla formazione del medico” promosse dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Bari e conclusesi oggi presso la sede dell’OMCeO. Il Ministero recepirà così nel 2016 la Direttiva europea 2013/55 che consente agli stati membri di ridurre gli anni del corso di laurea in medicina da 6 a 5, lasciando invariato il numero di ore formative. Secondo quanto annunciato nell’ambito del convegno, il numero delle ore formative dovrebbe essere di 5mila, contro le 5.500 dell’attuale corso di laurea in medicina in 6 anni.

 

La notizia va nella direzione, a lungo sostenuta dall’Ordine, di un ciclo di studi complessivamente più breve, che allinei l’Italia agli altri paesi europei. In un contesto di libera circolazione dei medici, così come dei pazienti, l’Europa è un unico grande mercato in cui i professionisti del nostro paese devono confrontarsi con francesi, inglesi, tedeschi... È importante quindi che i medici entrino nel mercato del lavoro alla stessa età dei loro colleghi europei. Inoltre, in ambito scientifico, è noto che la produttività di un ricercatore è più alta proprio nei primissimi anni, quando è più giovane.

Invece, in Germania i medici entrano nel mondo del lavoro a 26 anni, in Francia e Inghilterra tra i 26 e i 28 anni, in Italia riescono ad accedere alla professione solo tra i 31 e i 32 anni.

Da tempo l’Ordine chiede che l’abbreviazione del ciclo di studi venga raggiunta con un insieme di interventi. Gli effetti del passaggio da 6 a 5 anni di laurea annunciato oggi si sommano alla riduzione di un anno delle specializzazioni, recentemente ottenuta grazie ad un intervento del Ministro Giannini.

Dal dibattito della tavola rotonda di ieri è emersa anche l’importanza di introdurre meccanismi di valutazione della formazione, che verifichino quanto questa impatti sulla professione del medico, se i corsi sono attinenti all’operatività quotidiana del professionista, se migliorano la qualità dell’assistenza. In Europa l’Italia è infatti all’avanguardia come sistema di formazione, ma manca di un sistema di valutazione della formazione.

Per questo tutti i partecipanti al dibattito - rappresentanti del Ministero della Salute, delle Regioni, degli Ordini, delle Università e delle Società scientifiche - si sono impegnati a collaborare ad una sperimentazione sulla valutazione delle competenze, che sarà avviata nel corso di quest’anno dalla Regione Sardegna, grazie alla disponibilità manifestata da Luigi Arru, ex Presidente dell’OMCeO di Nuoro e assessore alla Salute della Regione Sardegna.

La sperimentazione sarà avviata in una o due discipline, con protocolli e indicatori che verranno stilati da una commissione tecnica cui parteciperà anche la FNOMCeO.

L’impegno è di re-incontrarsi a Bari tra un anno per presentare e discutere i risultati della sperimentazione.

 

Bari è risultata al centro dell’interesse del convegno anche per i dati lusinghieri sulla formazione presentati oggi dal Co.Ge.A.P.S. (Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie): Bari è infatti tra  le province a livello nazionale che hanno fatto registrare i dati più elevati nel numero degli eventi formativi e in quello dei professionisti partecipanti. Si registra dal 2011 in avanti una crescita costante nel numero dei partecipanti con una percentuale di Professionisti Certificabili in rapporto a coloro che hanno fatto formazione E.C.M. superiore alla media FNOMCeO. L’OMCeO di Bari ha il 94,4% di professionisti attivi nella formazione contro il 74,7% del complesso degli OMCeO pugliesi e il 75,1% della FNOMCeO.

 

“Il recepimento della Direttiva europea è l’ennesimo importante passo verso la riduzione complessiva del corso di studi e verso percorsi formativi di accesso al mondo del lavoro che mettano i giovani medici italiani in grado di competere ad armi pari con i colleghi stranieri – sottolinea Filippo Anelli, Presidente dell’OMCeO di Bari – “Un eventuale passaggio della scuola superiore a 4 anni, come da tempo auspicato dall’Ordine, permetterebbe complessivamente un ingresso anticipato nel mondo del lavoro di 3 anni, allineando l’Italia al resto dei paesi europei.”

 

 “Nella direttiva che sarà recepita a gennaio 2016 il corso di laurea in medicina sarà ridotto a 5 anni. Già a febbraio 2015 c’è stato il riordino delle scuole di specializzazione riducendo gli anni per specializzarsi. Ma bisognerebbe anche ridurre il numero di accesso a medicina” – dichiara Rossana Ugenti –  Quest’anno ci sono state 6000 borse per la specialistica a fronte di 9000 laureati. Bilanciare gli interessi con l’Università non è facile: quest’anno c’è già stata la riduzione del numero di accesso per non avere disoccupati.”

 

omceo ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri della provincia di bari

Via Capruzzi n. 184, Bari
Tel. 080 5566855 - 080 5575512
Fax: 080 5427063


Professione

Codice deontologico
Leggi istitutive
Pubblicità sanitaria
Tariffario minimo
Novità legislative
Fisco e previdenza
Farmaci e farmacovigilanza
Concorsi ed avvisi
Opportunità di lavoro

Cittadini

Carta dei diritti del malato
Associazione malati e volontariato

Odontoriatri

Commissione odontoriatri
Notizie odontoiatri
Eventi odontoiatri
Riconosci il tuo dentista

Chi siamo

Organigramma
Personale Amministrativo
Trasparenza
Variazione Iscritti
Attività del Consiglio

Attività & Servizi

Commissioni ordinistiche
Accordi e convenzioni
Punto Informativo ENPAM
Modulistica
Cerca un Medico
Orari di apertura al pubblico

web made in italy jcom italia web comunicazione marketing bari sito internet ecommerce registrazione dominio

© 2013 - 2019, OMCEO Bari | P.IVA 93021170720 | Privacy e Cookie Policy | Credits