In memoria dei medici caduti durante l’epidemia di Covid-19

Distribuzione dosi vaccino “Covid-19 Vaccine” (Moderna) – Categorie professionali – INDICAZIONI OPERATIVE.



OGGETTO: DGR n.2132 del 22.12.2020 – Piano Straordinario di Vaccinazione anti
Covid-19 – Fase 1 – Distribuzione dosi vaccino “Covid-19 Vaccine”
(Moderna) – Categorie professionali – INDICAZIONI OPERATIVE.
Si fa seguito alle indicazioni formulate con le circolari prot. AOO/005/0000032 del 04.01.2021,
prot. AOO/005/000066 del 05.01.2021, prot. AOO/005/000252 del 12.01.2021, prot.
AOO/005/000426 del 18.01.2021 di pari argomento, per comunicare che la struttura
commissariale ha ufficializzato il piano di consegne del vaccino “Covid-19 Vaccine” della
società Moderna e che si allega alla presente comunicazione affinchè se ne prenda atto.
Tenendo conto della necessità di ottemperare alle indicazioni della Struttura Commissariale
di accantonare ogni settimana un quantitativo di dosi quale scorta di magazzino, considerato
il piano di distribuzione sin qui ufficializzato dalla struttura commissariale e considerata la
necessità di assicurare il completamento della Fase 1 del Piano Straordinario di Vaccinazione
anti-Covid-19 garantendo l’offerta del vaccino agli operatori sanitari e socio-sanitari, la Cabina
di Regia regionale di cui alla DGR n.2132/2020 ha definito la seguente programmazione di
attività:
1) a partire dalla settimana del 01.02.2021 ciascun NOA-CovidVacc ASL dovrà programmare
la somministrazione del vaccino “Covid-19 Vaccine” di Moderna in favore delle seguenti
categorie professionali:
a) Medico odontoiatra
b) Assistente di studio odontoiatrico
c) Odontotecnico
d) Medico Libero Professionista
Per tali categorie, si utilizzerà prioritariamente l’elenco estratto dalle “manifestazioni di
interesse” alla vaccinazione anti Covid-19 registrate fino al 29.01.2021 nell’apposito form reso
disponibile nel Portale “PugliaSalute”.
(nell'allegato tabella con i dati per provincia)
2) a partire dalla settimana del 08.02.2021 ciascun NOA-CovidVacc ASL dovrà programmare
la somministrazione del vaccino “Covid-19 Vaccine” di Moderna in favore degli operatori
delle farmacie pubbliche e private convenzione sulla base degli elenchi che saranno resi
disponibili alla Regione Puglia da parte delle Associazioni provinciali di categoria delle
farmacie in collaborazione con gli Ordini provinciali dei Farmacisti.
Per le categorie sopra richiamate, i punti vaccinali - contestualmente alla somministrazione
della prima dose - dovranno fissare l’appuntamento per la seconda somministrazione.
Si riporta di seguito il link ove tutte le strutture e gli operatori coinvolti nella vaccinazione
possono scaricare e prendere visione dei materiali resi disponibili dalla società Moderna Inc.:
https://www.modernacovid19global.com/eu/it/
La stessa Società ha messo da disposizione i seguenti riferimenti:
• for Healthcare Professionals: +39 800.141.758
• for pharmacovigilance : drugsafety@modernatx.com
Per quanto attiene al vaccino COMIRNATY, i NOA-CovidVacc ASL dovranno proseguire la
programmazione delle attività per assicurare la somministrazione della seconda dose del
vaccino a tutti i soggetti già vaccinati nonché la somministrazione della prima dose in favore
delle seguenti categorie di soggetti previste per la prima fase dal Piano Straordinario Vaccinale
nazionale, in ordine di priorità e in base alle disponibilità delle dosi settimanali:
1) personale sanitario e socio-sanitario di tutte le tipologie di strutture sanitarie e socio-
sanitarie, inclusi gli studenti di area sanitaria che svolgono attività di tirocinio nei reparti;
2) ospiti delle strutture residenziali per anziani;
3) ulteriore personale sanitario e socio-sanitario che opera a contatto con gli assistiti o con
gli ospiti di strutture sanitarie e socio-assistenziali (a titolo esemplificativo ma non
esaustivo: medici, professioni sanitarie, operatori socio-sanitari, personale di supporto e
personale impegnato nei servizi di igienizzazione degli ambienti, ecc.) non ancora vaccinati
per la prima dose.
Si pone in evidenza che, sulla base dell’aggiornamento alla programmazione che sarà resa
nota dalla struttura commissariale nei prossimi giorni, si procederà successivamente e
progressivamente all’avvio della programmazione della vaccinazione anti Covid-19 in favore
delle categorie previste dalla pianificazione nazionale, in ordine di priorità:
a) popolazione assistita di età superiore agli 80 anni (nati prima del 1941);
b) persone di ogni età con comorbilità severa, immunodeficienza e/o fragilità di ogni età,
gruppi socio-demografici a rischio significativamente più elevato di malattia grave o morte
che sono ricoverati o che accedono con frequenza predeterminata, in base a piani
terapeutici e/o piani assistenziali, alle strutture ospedaliere e/o territoriali pubbliche e
private accreditate;
c) popolazione assistita di età superiore ai 60 anni (nati prima del 1961);
d) popolazione assistita di età compresa tra i 60 e i 18 anni con priorità per insegnanti e
personale scolastico, lavoratori dei servizi essenziali o di setting a rischio, carceri e luoghi
di comunità;
e) popolazione non prioritaria.
Il dettaglio delle categorie fragili e molto fragili, nonché la definizione delle priorità di offerta
della vaccinazione, sarà reso noto dal Ministero della Salute contestualmente alle indicazioni
sui prodotti da utilizzare nei diversi gruppi di popolazione.
Si ribadisce che non è consentita alcuna arbitraria valutazione da parte di punti vaccinali e da
parte dei NOA-CovidVacc circa l’accesso, in questa fase, alla vaccinazione anti Covid-19 da
parte di soggetti non afferenti alle categorie e alle priorità stabilite dal Piano Nazionale e dalle
circolari e disposizioni regionali ivi compresa la presente disposizione.
Le Aziende Sanitarie e gli Enti del SSR devono garantire, presso gli stessi punti vaccinali, la
somministrazione delle seconde dosi per i soggetti vaccinati dal 27.12.2020 tenendo conto
che il completamento del ciclo vaccinale dovrà essere effettuato a distanza di almeno 21 giorni
e preferibilmente entro 28 giorni dalla prima dose.
In considerazione del principio più volte ribadito per cui che le giacenze di flaconi/dosi di
vaccino anti Covid-19 presenti nei magazzini di ciascuna farmacia ospedaliera sede hub non
devono essere considerate quantità nella disponibilità esclusiva dell’ASL/AOU/IRCCS cui la
farmacia ospedaliera afferisce, atteso che il piano straordinario di vaccinazione ha carattere
regionale, al fine di stimare la quota di vaccino disponibile per ogni provincia per l’esecuzione
delle prime dosi e la somministrazione delle seconde dosi, dopo accantonamento previsto del
30% settimanale quale scorta di magazzino, in coerenza dalle indicazioni della Struttura
Commissariale.
Si dispone, pertanto, l’osservanza esatta da parte di tutte le direzioni e le articolazioni del
Servizio Sanitario Regionale di quanto previsto dalla presente comunicazione e dai documenti
qui allegati a formarne parte integrante e sostanziale.
La Cabina di Regia regionale, sulla base delle informazioni che perverranno dalla struttura
commissariale, procederà all’aggiornamento della programmazione delle ulteriori categorie
da convocare per la vaccinazione, in base all’andamento degli approvvigionamenti e delle
giacenze di magazzino rilevate.