In memoria dei medici caduti durante l’epidemia di Covid-19

Emergenza sanitaria COvid–19: programmazione territoriale: lettera degli Ordini Pugliesi al Presidente Emiliano


Pubblicato il 22 Aprile 2020

segreteria.presidente@regione.puglia.it
presidente.regione@pec.rupar.puglia.it
 
Egr. Dott. Michele Emiliano
Presidente Regione Puglia
Lungomare Nazario Sauro, 33
70121 BARI BA
 
Egr. Sig. Presidente,
la sicurezza dei cittadini e degli operatori sanitari in corso di pandemia COvid–19 è uno dei primi obiettivi di ogni buon piano pandemico e rappresenta anche un importante fattore per limitare la diffusione del virus. È dovere di ogni buon amministratore garantire l’integrità psico–fisica degli operatori sanitari e dei pazienti in quanto diritto costituzionalmente tutelato. 
 
La strage dei medici deceduti nel corso di questa epidemia in Italia, a cui la nostra regione ha purtroppo contribuito con la perdita di tre suoi sanitari, pone il tema come assolutamente rilevante. Nelle regioni maggiormente interessate dall’epidemia, il mancato o tardivo coinvolgimento della medicina territoriale, adeguatamente attrezzata, ha rappresentato l’anello debole della risposta all’emergenza, mentre gli ospedali, pur nella loro insostituibile funzione di cura, hanno anche assunto il ruolo involontario di serbatoio del contagio soprattutto dove non è stata garantita la separazione dei percorsi insieme alla doverosa protezione degli operatori e dei pazienti.
 
Una preoccupazione esplicitamente espressa da molti dei nostri medici per le condizioni in cui sono costretti ad esercitare la professione in Puglia.
 
Un problema rilevante che va affrontato con decisione e determinazione al fine di individuare strategie ed interventi per assicurare ai cittadini e agli operatori cure e trattamenti in ambienti sicuri.
 
L’utilizzo dei tamponi, dei test rapidi e dei DPI rappresentano, al momento, gli strumenti più importanti per garantire la sicurezza, insieme ad una nuova riorganizzazione degli ospedali e delle cure territoriali, per garantire assistenza sia a malati COvid che non COvid.
 
Le scelte sinora effettuate non sono state concordate con la classe medica pugliese, ed alcune di queste scelte sono difficilmente condivisibili sul piano clinico e assistenziale. Non ci è stato consentito di esprimere alcun parere sulla organizzazione degli ospedali impiegati nel trattamento COvid–19, né a tutt’oggi risulta esaudita la nostra richiesta di una robusta risposta sul territorio, dove peraltro le cronicità messe in secondo piano rischiano di trasformarsi in una pericolosa onda di risacca dell’attuale emergenza.
 
Appare, dunque, sempre più importante un coinvolgimento più ampio, sul piano della programmazione e della organizzazione, degli Ordini Professionali, Enti Pubblici Non Economici che agiscono quali Organi Sussidiari dello Stato al fine di tutelare gli interessi pubblici garantiti dall’Ordinamento connessi all’esercizio professionale.
 
L’avvio di una nuova fase durante la quale dovremo convivere con la presenza del coronavirus pone il problema di condividere nuove strategie che intervengano direttamente sui comportamenti professionali dei medici consentendo ai professionisti di interagire al fine di creare opportune sinergie tra gli operatori. 
 
I medici grazie al loro sacrificio e alla loro dedizione sono oggi coloro che combattono in prima linea questa epidemia, salvando migliaia di vite umane. Gli Ordini sono gli Enti Pubblici che rappresentano la Professione Medica che tutela la salute dei cittadini. Per questo riteniamo indispensabile un coinvolgimento istituzionale degli Ordini negli organismi di governo della pandemia in Puglia, anche al fine di raccordare gli interventi ospedale territorio.
 
Cordiali saluti.
 
IL PRESIDENTE OMCeO BA
(Dott. Filippo Anelli)
IL PRESIDENTE OMCeO BT
(Dott. Benedetto Delvecchio)
IL PRESIDENTE OMCeO BR
(Dott. Arturo Oliva)
IL PRESIDENTE OMCeO FG
(Dott. Alfonso Mazza)
IL PRESIDENTE OMCeO LE
(Dott. Donato De Giorgi)
IL PRESIDENTE OMCeO TA
(Dott. Cosimo Nume)